Libreria


Da "IL GIARDINO DEI MAGGIOLINI"
Ora qualche anno è passato, diciamo, all’incirca, dieci...
 

Da "DIETRO IL SORRISO DEL CLOWN"

Miriam Ballerini ha cominciato a scrivere giovanissima…


Da "LA CASA DEGLI SPECCHI"
Sono trascorsi sei mesi da quando ho iniziato a scrivere questo…

Da "BASSA MAREA"

Andare al di là delle apparenze. Esplorare…


Da "FIORI DI SERRA"

Quello che succede dietro le inferriate, quale sia la vita che…

Da "LULTIMO PETALO"

Di nuovo mi ritrovo davanti alle prime pagine bianche…


DIARIO DI UNA RAGAZZA DEL SUD    Lina Piccione- Miriam Ballerini

© 2015 Serel International

ISBN 978-88-89401-24-8

Pag. 125  € 12,00

Ho avuto la buona sorte di avere tra i compagni utili e intelligenti di questa calda estate il nuovo libro di Miriam Ballerini, “Diario di una ragazza del Sud”, un agile volume che mi ha guidato in un viaggio nella sofferenza e nella costrizione di una figlia prigioniera di un padre padrone, una crescita vissuta tuttavia con una capacità di umanità e comprensione che conforta e fa meditare su come certi drammi possano avvenire sotto gli occhi di una società cieca e complice.

La protagonista, dal nome di fantasia Maria Sole, nome inventato ma la storia è vera, in sintonia con la vocazione sempre più documentaristica e giornalistica che romanziera dell'autrice, soffre le scudisciate che riceve nella propria carne prima di bambina e poi di giovane donna, eppure continua a guardare avanti, spaventata, sottomessa, ma sempre innamorata della vita.

Con abilità Miriam racconta e costruisce due storie parallele di cui Maria Sole è sempre la protagonista: una protagonista che non subisce passivamente gli eventi come si potrebbe frettolosamente giudicare, ma che si aggrappa con un’energia commovente a ogni frammento di gioia che la sua esistenza le offre non solo per sopravvivere ma per crescere e maturare. Battaglie perse e umiliazioni, ma non sarà mai vinta. Malgrado tutto e tutti. 

Maria Sole, ormai anziana, racconta il proprio passato senza mai giudicarlo e senza giudicarsi. Non condanna e non assolve, ha nell’animo piaghe che non si rimangeranno mai e che le fanno affrontare una nuova lotta perché la sua storia non si ripeta.

La forza del racconto è nello scorrere armonioso della doppia storia, nel raccontare senza ripetizioni, senza moralismi, senza pause e senza compiacimenti, una vicenda che avvince dalle prime pagine e, alla fine, lascia il lettore convinto e migliore. Soprattutto, e di questi tempi è una vera rarità, soddisfatto per avere letto un bel libro.

© Marco Salvario

 

Chi volesse acquistare i libri direttamente dall'autrice

clicchi qui...

"Fiori di serra"

con:

I miei libri su:

Lasciate un vostro commento
Lasciate un vostro commento

Alcune mie poesie

Leggete qui...